Dove operiamo

La Maison sans Frontieres opera in Togo, piccolo stato dell’Africa Subsahariana confinante con Ghana, Benin e Burkina Faso.

La casa di accoglienza si trova nel villaggio rurale di Kuma Tsame Totsi, distante circa 5 km. dalla cittadina di Kpalimé (regione Plateaux) e 120km. dalla capitale Lomè (circa 2 ore di viaggio).

 

 

 

IL TOGO – NOTIZIE GENERALI

Il Togo, ufficialmente Repubblica Togolese (in francese République Togolaise), è uno stato dell’Africa Occidentale. Confina a ovest con il Ghana, a est con il Benin, a nord con il Burkina Faso. Si affaccia per un breve tratto (soltanto 56 km) sul Golfo di Guinea a sud; in questo tratto di costa si trova la capitale Lomé. Lo Stato è vasto 56.785 km² ed è abitato da 6.145.000 abitanti con una densità di 97,7 ab/km². La lingua ufficiale è il francese (è membro dell’associazione dei paesi francofoni) ma vi si parlano molte altre lingue africane. Col nome di Togoland fu colonia prima della Germania e poi della Francia, da cui ottenne l’indipendenza nel 1960.

Circa il 40% della popolazione vive con meno di 1,25 dollari statunitensi al giorno.

Clima

Il clima è tropicale. Sulla costa la temperatura varia dai 22 ai 35°C. Il tasso di umidità è molto elevato. All’interno del Paese, nelle ore diurne, la temperatura oscilla dai 30 ai 40°C, mentre nelle ore notturne può scendere fino a 15°C. Le stagioni sono due: la stagione secca (da novembre a giugno) e quella delle piogge (da luglio a ottobre). Nei mesi di dicembre-febbraio l’Harmattan (vento desertico) trasporta nell’aria particelle di sabbia. Il fenomeno, a volte molto intenso, può creare fastidi alle vie respiratorie e agli occhi.

Lingue

La lingua ufficiale è il francese; sono diffuse anche numerose lingue africane, tra cui molti dialetti della lingua ewe.

Religione

Il 51% dei togolesi sono animisti. Il secondo maggior gruppo religioso è costituito dai cristiani (29% di cui 21% cattolici, 7% protestanti e il rimanente 1% di altre confessioni cristiane); il resto della popolazione è principalmente di fede islamica.

Nella valutazione di questi dati occorre comunque considerare che la maggior parte dei togolesi cristiani o musulmani mantiene anche, almeno in parte, il sistema di credenze e di riti tradizionali delle religioni animiste locali. Fra i prodotti specifici di questo sincretismo religioso c’è il Voudou, molto diffuso in Togo.

Città principali

Le città più importanti dello Stato sono Lomé, la capitale, e Sokodé; importanti sono anche da nord a sud Niamtougou, Kara (anticamente Lama-Kara), Bassar, Atakpamé, Kpalimé, Tabligbo, Tsévié, Togoville (città di importanza storica) e Aného. Nella maggior parte dei casi, queste città possono essere considerate come grandi villaggi; fatta eccezione per Lomé, non superano i 100.000 abitanti, hanno pochissime infrastrutture, le strade sono quasi tutte sterrate, e le abitazioni sono di tipo quasi rurale, organizzate in quartieri che si sviluppano in modo sostanzialmente caotico attorno al centro (in genere segnato dai mercati locali).

Istruzione

Nel Togo l’istruzione è obbligatoria dai 6 ai 12 anni; nonostante ciò il tasso di alfabetizzazione è appena al 63%. È presente un forte dislivello del tasso di alfabetizzazione tra uomini (77,4%) e donne (49,9%). Le scuole sono in parte statali, e in parte amministrate da privati o dalle missioni cristiane. Il principale istituto universitario del paese è l’Università di Lomé.

Moneta

Il Togo fa parte della Comunità finanziaria africana (CFA); la moneta ufficiale è quindi il Franco CFA (1 euro = 655 CFA)

Trasporti

I Trasporti in Togo sono molto carenti. Gran parte delle strade che attraversano il paese non sono asfaltate e non sono presenti autostrade. Le linee ferroviarie ammontano a un totale di 525 km, con collegamenti internazionali verso Benin e Burkina Faso e (con cambio di scartamento) verso il Ghana